Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_dublino

Giovedì all'Opera - Secondo incontro

Data:

22/02/2018


Giovedì all'Opera - Secondo incontro

La serie “Giovedì all’Opera” tornerà in Istituto dal 15 Febbraio al 29 Marzo.

Le lezioni saranno presentate da Deirdre O'Grady, professoressa emerita di Italiano e Studi Comparati a University College Dublin. Le lezioni illustrative si focalizzeranno sull’opera artistica di Puccini, sulle fonti e le influenze che ha avuto, su grandi artisti interpreti di ruoli che li hanno portati al successo, e su famose rappresentazioni teatrali. Le lezioni cominceranno il 15 febbraio e si concluderanno il 29 marzo. Gli incontri saranno di giovedì, si terranno in inglese, inizieranno alle 18:30 e dureranno circa un’ora.

 

22 febbraio: secondo incontro – Gli inizi: introduzione alle prime opere di Puccini: Le Villi (Milano 1884) ed Edgar (Milano 1889)

La prima opera di Puccini, “Le Villi”, è un’opera ballo composta nel 1883 per un concorso organizzato dall’etichetta discografica Sonzogno dedicato a opere composte da un solo atto. Inizialmente la creazione del futuro erede di Verdi non ebbe successo ma in seguito attrasse l’attenzione di Arrigo Boito, grazie allo studio dettagliato di “Der Freischutz” di Weber che il compositore vi aveva incluso. L’opera si basa sulla storia di Giselle del balletto di Adamo e racconta di come le fanciulle, trasformate in Villi, esigano vendetta sui loro amori infedeli. In accordo con le dottrine di Arrigo Boito e con la “scapigliatura” milanese, Puccini intreccia diverse forme d’arte: voce, danza, percezioni visive e poesia, creando così una composizione molto originale. I passaggi in versi non furono mai trascritti in musica.

Si riconosce già in quest’opera un approccio sinfonico all’orchestra con enfasi su una melodia ricca che più tardi sarà associato a Puccini.

Il suo secondo lavoro “Edgar” (Milano 1889) racconta la storia di un uomo qualunque nel Medioevo diviso fra due amori, in conflitto fra il peccato e la virtù. La vita dissoluta del protagonista riflette la forte influenza della Carmen di Bizet. Il testo si basa sulla poesia drammatica di Alfred De Musset (1810 – 1857) “Le Coupe et les lèvres” che descrive un viaggio alla scoperta del se’ e culmina nella falsificazione di esso. La coesistenza di sacro e profano spiana la strada al finale del primo atto della Tosca (1900). Gli spettacoli di “Edgar” furono annullati dopo sole quattro performance. Nonostante l’insuccesso ottenuto, contiene alcuni esempi eccellenti di musica pucciniana: la sequenza del funerale di Edgar fu suonata al funerale di Puccini nel 1924.

Informazioni

Data: Gio 22 Feb 2018

Orario: Alle 18:30

Ingresso : Libero


967